Outlet toracico e SCOM

L’outlet toracico e lo SCOM sono zone di fondamentale importanza osteopatica.

Punti critici dell’outlet toracico:

Apparato sospensore della cupola pleurica.

La pleura che riveste i polmoni presenta nella sua porzione più alta una cupola, che è connessa al resto del corpo da fasce del legamento vertebro pleurico (parte da C7), dal legamento costo-pleurico, dalla fascia dello scaleno posteriore.

Il secondo punto da considerare dell’outlet toracico sono i muscoli pettorali perché al di sotto di questi e soprattutto del piccolo pettorale passa l’arteria e la vena succlavia e il nervo ulnare.

Quindi, un eventuale presenza di cervico-brachialgia che si innerva al braccio potrebbe trovare origine nell’apparato che fa parte dell’orifizio toracico, quindi sarebbe inutile trattare il collo ma andrebbe trattato questo orifizio toracico.

Altro punto è lo SCOM che va da clavicola sterno, occipite e mastoide.

 
Dietro lo SCOM passa il pacchetto vascolo nervoso costituito da vago, giugulare interna e carotide comune.
Questo pacchetto è costituito da una fascia propria detta fascia vascolo nervosa.
Esistono alcune porzione della fascia dello SCOM che collegano gli angoli della mandibola allo SCOM con delle benderelle.
L’anatomia è così perché in questo modo quando lo SCOM si contrae non schiaccia il fascio vascolo nervoso che gli passa dietro.
Lo SCOM è importante anche perché a livello dell’inserzione sul manubrio sternale passa il nervo frenico e quindi in linea di massima lo SCOM può infiammare anche questa porzione.
Lo SCOM può condizionare anche il forame lacero posteriore dove passa la giugulare e il nono, decimo, undicesimo e seno petroso inferiore.
Altro punto critico è la prima costa, perché da lì passa la porzione retro clavicolare del plesso brachiale e la vena giugulare.
In realtà le disfunzioni principali alla prima costa sono prima costa in inspirazione o in superiorità (faccette articolari sollevate, non scendono più).
Le tecniche osteopatiche per trattare SCOM e prima costa sono molteplici, sia strutturali che fasciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.