Il Mal di Schiena nei Bambini, riconoscerlo e trattarlo

Il Mal di Schiena nei bambini è un disturbo piuttosto diffuso quanto trascurato.

I bambini, lo sappiamo, sono in continuo movimento e tendono spesso ad assumere posture scorrette.

Poco male, come ripeto spesso Dove c’è Movimento c’è Salute, quindi posture scorrette si, ma non protratte nel tempo.

A scuola, fermi per troppo tempo tra i banchi, a casa, nel fare i compiti, oppure dormendo, i bambini assumono posture “spontanee”, ossia comode per loro.

Non sempre però queste posture combaciano con quello che la loro struttura e i loro muscoli vorrebbero.

Visita posturale casalinga

Se osserviamo la schiena nuda di un bambino da dietro, vedremo che ai lati della colonna vertebrale ci sono delle piccole protuberanze muscolari che corrono parallele ad essa.

Il solco tra queste due protuberanze indica la direzione della colonna vertebrale, che vista da dietro, deve essere pressoché dritta.

Sempre osservandoli da dietro, a braccia rilassate, osserviamo il triangolo della taglia, il triangolo dato dall’ascella, il punto vita e il punto sul fianco dove appoggia il braccio rilassato. Lo spazio vuoto all’interno di quest’area si chiama triangolo della taglia.

Il triangolo della taglia destro e sinistro devono essere quasi simmetrici, dove il quasi è d’obbligo perchè sappiamo che la postura ideale non esiste.

Questi sono già due dati da fare notare al pediatra al prossimo controllo, oppure al professionista di fiducia.

Un altro dato che possiamo avere semplicemente osservando il bambino è la maggiore “curvatura” lombare, dorsale o cervicale.

Osservandolo lateralemente infatti possiamo vedere se le curve della schiena sono troppo acute o troppo gravi.

Se il bambino sembra andare in avanti o andare indietro, allora ci possono essere degli squilibri tra le curve

I 5 Vizi Posturali

Tra i vizi posturali che possono avere i bambini ci sono alcuni atteggiamenti più frequenti che si trovano spesso nei bambini che risultano “asimmetrici” alla visita posturale:

Atteggiamento lordotico – quando dall’osservazione laterale vediamo un aumento piuttosto importante della curva lombare, che corrisponde ad un aumento della rotondità dell’addome

Atteggiamento cifotico – quando dall’osservazione laterale notiamo un aumento della curvatura dorsale, che porta il bambino quasi ad “appoggiarsi” all’indietro

Atteggiamento scoliotico – quando dall’osservazione posteriore si notano una o più deviazioni della colonna vertebrale. Se oltre alle deviazioni si hanno delle rotazioni vertebrali e almeno una delle due condizioni precedenti, allora si parla di scoliosi e non di atteggiamento scoliotico.

Portamento astenico che io chiamo “lo stanco” – è il classico portamento rilassato di un bambino che sembra schiacciato da un peso. Capo e spalle avanti, ipercifosi e addome prominente.

Scapole Alate – Quando si notano delle prominenze all’altezza delle scapole, che non aderiscono bene alla cassa toracica e che sono accompagnate da una rotazione delle braccia all’interno e ad una spinta della spalle in avanti.

Soluzioni

Dottori in Scienze Motorie, Osteopati e Fisoterapisti sono specializzati in questo.

Quelli sopra elencati sono detti paramorfismi, ossia deformità in genere transitorie che si risolvono volontariamente, oppure grazie a delle manipolazioni o ginnastica specifica, ma che comunque non sono accompagnati da problemi strutturali.

Sono queste le conseguenze degli atteggiamenti posturali scorretti, che non danno problemi fintanto che non si avvertono i primi dolori.

La soluzione principale rimane sempre la prevenzione, ossia l’informazione nelle scuole e a casa delle posture corrette e scorrette per i bambini, che dovranno a loro volta sapere come ci si muove in modo corretto.

Lo sport, qualsiasi, previene ed educa al Mal di Schiena i bambini fin dai primi anni.

Muoversi, i qualsiasi modo, è la migliore cura che possiamo dare ai nostri figli.

Fare questi esercizi ogni giorno permette di fare moltissimo anche a casa.